Rivitalizzazione del patrimonio pubblico nella Città Storica di Roma

WORKSHOP SULLA Rivitalizzazione del patrimonio  pubblico nella Città Storica di Roma 17  GIUGNO 2015 , ore 16, Lungotevere Pierleoni 1
Promosso dal LABORATORIO PERMANENTE del Dipartimento Beni Culturali dell’Ordine degli Architetti PPC  di Roma e Provincia “La Città Storica da un punto di vista di genere” , il Municipio Roma1, La casa della Città
“Da oltre vent’anni la valorizzazione degli immobili pubblici è al centro di iniziative di governi di vari orientamenti politici. I risultati finora ottenuti sono da più parti giudicati insoddisfacenti, sia in termini di efficienza gestionale che di innesco di processi di sviluppo economico e sociale. A vari livelli istituzionali stanno emergendo nuove iniziative e nuove interpretazioni della valorizzazione. A scala nazionale la valorizzazione è intesa come potenziale soluzione a problemi urgenti come il disagio abitativo o come stimolo per lo sviluppo del territorio. La concessione degli immobili è oggi vista dai Comuni come un’opportunità per generare introiti o nuovi servizi locali.”
(dal programma del seminario: Valorizzazione degli immobili pubblici e sviluppo territoriale, DASTU, Politecnico di Milano, 19 maggio 2015).
PROGRAMMA 2015-2016 DEL LABORATORIO PERMANENTE del Dipartimento Beni Culturali dell’Ordine degli Architetti PPC  di Roma e Provincia “La Città Storica da un punto di vista di genere”
 
CHE COSA : 
  1. Raccogliere nuovi progetti dal basso elaborati nell’ambito del Municipio Roma 1 con l’aiuto del Municipio stesso e della Conferenza Urbanistica, stimolando le associazioni e i comitati locali a produrre nuove schede.  Avviare un censimento delle nuove proposte un anno dopo quello effettuato dalla Conferenza Urbanistica.
  2. Avviare alcuni progetti strategici dal basso a livello di quartiere – per esempio Prati/Della Vittoria/Borgo e Trastevere – mediante l’approccio Strategic Choice.
  3. Pubblicare entro novembre i risultati del gruppo di lavoro del Laboratorio I percorsi dell’accoglienza.
  4. Pubblicare gli atti del Convegno del 22 aprile 2015 e del workshop del 17 giugno 2015.
  5. Organizzare entro giugno (o comunque non oltre settembre 2015) un nuovo workshop intitolato Rivitalizzazione del patrimonio  pubblico nella Città Storica di Roma.
In merito al punto 5) Il Laboratorio si sta già impegnando nell’organizzazione del workshop, che si svolgerà presso la  sede del Municipio Roma1, Lungotevere Pierleoni 1 il giorno 17 giugno ore 16.
Il workshop – con l’aiuto del Dipartimento Patrimonio di Roma Capitale e del Municipio Roma 1 – intende dare un contributo per ridurre o eliminare le numerose incertezze sulla disponibilità e l’utilizzabilità concreta delle informazioni riguardanti il patrimonio pubblico.
L’acquisizione e l’utilizzo di tutte le informazioni disponibili sul patrimonio della Città Storica di Roma sarà fondamentale per riuscire a formulare strategie di intervento di recupero e riutilizzo ai fini della rigenerazione della CS,  attraverso la rivitalizzazione del patrimonio architettonico,  la costruzione di un benessere trasversale alle  diverse categorie di utenze e un’offerta di servizi integrati adeguati a tutte le esigenze. Le informazioni sulla disponibilità immediata e programmabile del patrimonio pubblico è indispensabile soprattutto per poter  pianificare la rivitalizzazione di interi settori della Città Storica e non solo di singoli edifici.
Durante il workshop sarà importante ragionare in merito a nuovi soggetti – come le cooperative di comunità e di utenza – che possano innescare processi virtuosi nei quali gli attori direttamente interessati s’impegnino a mettere in atto nuove modalità di intervento economico e finanziario  basate, ad esempio, su forme di azionariato diffuso.
CON CHI:
  • Le associazioni che fanno parte del Laboratorio (o che saranno invitate a farne parte in un prossimo futuro)
  • La Casa della Città
  • Il Dipartimento Patrimonio di Roma Capitale
  • Il Municipio Roma1
  • La Conferenza Urbanistica

 

PATRIMONIO RESIDENZIALE PUBBLICO NEL QUARTIERE DELLA VITTORIA
  • Nell’area Delle Vittorie sono presenti tre edifici di proprietà pubblica e sono l’edificio dell’arch. De Renzi a Piazza Mazzini, un edificio a corte in via Dardanelli e un edificio a via Sabotino (angolo via Paolucci de Calboli) (vedi Mappa delle proprietà pubbliche). Bisognerebbe sapere se all’interno di questi edifici ci sono appartamenti disponibili al presente o prevedibilmente al futuro . A seguito di un incontro il giorno 20 maggio 2015 presso la sede del Municipio Roma 1 tra Tatiana Campioni, Paola Rosati e Elena Mortola alle ore 17, abbiamo ridotto alcune incertezze. Pare che la maggior parte degli appartamenti negli edifici che risultano di proprietà pubblica sopra citati sono stati riscattati dagli abitanti. Naturalmente questo fatto è positivo perchè gli immobili sono diventati di proprietà dei residenti. Rimane di proprietà pubblica l’edificio del mercato, occupato dal mercato a Piano terra e disponibile nei due piani superiori che sono stati liberati da precedenti attività. Alla luce degli articoli usciti nella cronaca di Roma dei maggiori quotidiani dal 5 febbraio 2015 risulta che l’amministrazione comunale ha in programma di vendere la maggior parte del patrimonio pubblico. Sarà nostra cura cercare di convincere l’amministrazione di conservare il patrimonio pubblico del quartiere della Vittoria, come l’ex-deposito ATAC e la Caserma di viale Angelico 19.

Bisogna riconoscere che, a parte questi edifici nel quartiere Della Vittoria, gli edifici  residenziali pubblici nel Municipio Roma1 sono pochi (Paola Rosati li sta classificando). Questo potrebbe indicare che l’argomento non è significativo. Bisogna ricordare che sempre nel quartiere Della Vittoria ci sono edifici pubblici non utilizzati come l’ex-rimessa ATAC e la caserma in viale Angelico 19, senza contare le caserme in viale Giulio Cesare e Viale Mazzini e l’edificio del Mercato dei fiori che potrebbero essere parzialmente destinati a residenza o i due casali Strozzi a Monte Mario. Quindi una politica strategica potrebbe essere quella di offrire  residenza pubblica in affitto in edifici di valore storico. Oppure destinare parte di questi edifici pubbblici disponibili a Centri di accoglienza per il turismo religioso e Centri tipo “Diurno” per le persone che dalla periferia vengono a lavorare al Centro e hanno bisogno di un riposo temporaneo. Paola Rosati ha perorato l’utilizzo a residenze speciali per Palazzo Nardini in via del Governo vecchio e un accordo pubblico privato sempre per l’utilizzo a residenze speciali per alcuni edifici di proprietà pubblica a Trastevere.

PROGETTO STRATEGICO DAL BASSO

foglio 10-PRATI progetto stategico dal bassosmall

Con la Campioni abbiamo parlato a lungo della mappa che descrive la proposta del Lab per l’area Prati/Della Vittoria/ Borgo. Eravamo d’accordo sull’urgenza di fare isole ambientali come quelle proposte nella mappa. In particolare abbiamo discusso sulla necessità di rendere pedonale Piazza Risorgimento, conservando il traffico solo sul lato verso S.Pietro (comunque a 30 km/h) e sulle due strade via Porcari e via Crescenzio (che potrebbero rimanere a 50 km/h). Si potrebbe anticipare la fermata del tram 19 a viale delle Milizie e togliere i capolinea a Piazza Risorgimento. La Campioni si è dichiarata molto d’accordo sull’idea del percorso d’accoglienza (prevalentemente religioso) da piazza Giovine Italia a San Pietro con un aumento della dimensione dei marciapiedi a viale Angelico, via Barletta e via Ottaviano, interventi quindi sulla pavimentazione, eliminazione delle bancarelle, aumento del verde e delle panchine, e delle fontanelle, ecc. , previsione di un Centro di Accoglienza nella Caserma di Viale Angelico 19. A nostro avviso nche via Cola di Rienzo dovrebbe essere trasformato in percorso d’accoglienza (non solo religioso),  dovrebbero essere aumentate le dimensioni dei marciapiedi con una pavimentazione molto curata, aumentando il verde e le panchine, le fontanelle e con un Centro di accoglienza in parte del mercato coperto con bagni e riposo tipo Diurno.

  • DIMENSIONI DI VIALE ANGELICO E FUTURO ASSETTO

La larghezza dell’ingombro del viale compresi li attuali marciapiedi è di 40 metri. Questo significa che se 7 metri vengono assegnati alle 2 corsie, 1,20 m ai due sensi della pista ciclabile, 10 metri per due fasce di parcheggi a spina di 5 metri ai lati delle due corsie, rimangono 10 metri per ciascuno dei due grandi marciapiedi dove sono collocati i grandi alberi e che dovranno essere arricchiti con panchine e fontanelle. I marciapiedi, le panchine e le fontanelle dovrebbero essere fatte in travertino e con riciclaggio di avanzi di travertino.

  • Sampietrini in basalto e travertino riciclato per strisce pedonali, leggermente rialzati
  • Colonnotti in travertino come sedili alle fermate degli autobus, isolati o collegati con lastre di travertino (vedi piazza Venezia)
  • panchina travertino
  • Fontane a colonne in travertino

fontanella in travertino

  • Sanpietrini in travertino riciclato
  • sanpietrino di travertino riciclato
  • Via di Porta Angelica
  • via di Porta Angelica

L’idea di un Laboratorio permanente di Progettazione Partecipata del Municipio ROMA1 in un piano del mercato di via Sabotino.

Esempio di struttura

  1. Fare un bando per l’adesione delle Associazioni interessate, specificando il ruolo e l’impegno. Selezione delle Associazioni.
  2. Roma capitale fa bandi per finanziare o far finanziare processi partecipati su determinati argomenti, realizzati da associazioni considerate competenti.
  3. Esempi di Progettazione partecipata di massima: Progettazione partecipata di isole ambientali, progettazione di percorsi dell’accoglienza, progetti di recupero di edifici abbandonati, ecc. I progetti partecipati considerati coerenti con il contesto architettonico e sociale e fattibili da apposita giuria vengono realizzati dal Comune, anche con modalità non tradizionali.

Incontro presso la Casa della Città con il Laboratorio Permanente di Progettazione Partecipata “La città storica da un punto di vista di genere”

22 aprile 2015 ore 15,30 CASA DELLA CITTA’

Alcune delle presentazioni dei relatori

Alessandro Giangrande;

Elena Mortola;

Renata Bizzotto;

Paola Rosati;

Romina Peritore, Associazione PSP (Progettazione Sostenibile Partecipata);

Marta Carusi, Associazione Mondo di Comunità e Famiglia;

Paolo Venezia, Comitato Piazza Vittorio Partecipata – CPVP;

 

DBC_invito-final

Locandina-final

Indirizzo: via della Moletta n. 85 (ingresso principale) – Piazza Giovanni da Verrazzano n. 7

Da più di un anno il Laboratorio Permanente di Progettazione Partecipata “La città storica da un punto di vista di genere”, Dipartimento di Beni Culturali, Odine degli Architetti di Roma (Coordinato da Elena Mortola con il contributo metodologico di Alessandro Giangrande) sta studiando il problema che il comune di Roma dovrà affrontare per il prossimo Giubileo, Continue reading Incontro presso la Casa della Città con il Laboratorio Permanente di Progettazione Partecipata “La città storica da un punto di vista di genere”

Progetto Strategico dal basso nel quartiere delle Vittorie Municipio 1

PROGETTO STRATEGICO DAL BASSO

sulla base del fuoco 5 di Strategic Choice

Foglio 10-PRATI progetto strategico dal basso-small

commento alla mappa

Schede Progetto – MUNICIPIO I CUM

I PERCORSI DELL’ACCOGLIENZA: Culturale, religioso, politico, dello shopping

mappa-percorsi accoglienza

mappa percorsi

http://www.urbanistica.comune.roma.it/carta-citta-pubblica/cartacittapubblica-elaborati.html
Questo progetto strategico è stato elaborato all’interno delle attività del Laboratorio permanente di progettazione partecipata “Città storica da un punto di vista di genere”, Ordine degli Architetti di Roma, Coord. Elena Mortola e raccoglie una serie di progetti proposti in occasione degli incontri per la Conferenza Urbanistica del Comune di Roma (2014-2015). Continue reading Progetto Strategico dal basso nel quartiere delle Vittorie Municipio 1

Incontri del lab.Permanente con la Casa della Città

 

  • Presentazione del Laboratorio Permanente di Progettazione Partecipata “La città storica da un punto di vista di genere”, seconda metà di Aprile alla Casa della Città1- Saluti dei Direttori Mirella Digiovine e Pierluigi Mattera e di Riccardo Petrachi

    2- Introduzione dell’arch. Virginia Rossini, presidente del Dipartimento dei Beni Culturali dell’Ordine degli Architetti di Roma e direttrice del Laboratorio (con delega a Elena Mortola), della Presidente della FIDAPA M.D.Aiello e della SIUIFA, Renata Bizzotto

    3- Presentazione della metodologia utilizzata a cura di Alessandro Giangrande

    4- Applicazione della metodologia: la Progettazione Strategica dal basso applicata ad un’area del quartiere Prati Delle Vittorie (Isole ambientali, ristrutturazione della viabilità, integrazione con i CUM) a cura di Elena Mortola

    5- I Percorsi dell’Accoglienza:RELIGIOSI, CULTURALI, SHOPPING, POLITICI. (R.Bizzotto)

    6- Mobilità e spazi pubblici in ambiente urbano: accessibilità, sostenibilità e vivibilità (L.Martincigh)

    7- Recupero e riuso del patrimonio pubblico dismesso nella Città Storica (P.Rosati)

    8- Contributo dell’Ass. Abitanti Centro Storico (G.Pallottini)

    9- Contributo dell’Ass. Mondo di Comunità e Famiglia (M.Carusi)

    10- Contributo dell’Associazione Libera

    11- Eventuali altri contributi

  • Incontro del 28 gennaio con Arch. Mattera Casa della Città
  • Incontro del 5 febbraio con Direttore Mirella Di Giovine della Casa della Città

Schede Progetto x conf.urb.municipio Roma1

Schede progetto Roma Municipio 1

Approfondimento dei progetti raccolti nel primo Municipio in occasione degli incontri per la Conferenza Urbanistica

Schede Progetto – MUNICIPIO I Dicembre 2014

Indirizzo per inviare le schede progetto

conf.urbanisticamunicipio1@gmail.com
Continue reading Schede Progetto x conf.urb.municipio Roma1

Il Laboratorio Permanente di progettazione partecipata sulla città storica da un punto di vista di genere (2 ottobre 14)

Ultimi rapporti redatti d A.Giangrande sul processo strategico partecipato per la Città Storica

rapporto 1.a parte 02-09-14 (parziale)

rapporto 2.a parte 22-11-14

Continue reading Il Laboratorio Permanente di progettazione partecipata sulla città storica da un punto di vista di genere (2 ottobre 14)

Progettazione e condivisione nella nuova progettualità urbana

Pieghevole-programma

Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Roma e Provincia

Consulta Giovani Architetti Roma, in collaborazione con Architecture Open Circuit

PARTECIPAZIONE E CONDIVISIONE NELLA NUOVA PROGETTUALITA’ URBANA

A CURA DI FABIO BRAGUGLIO E ANNUNZIATA PAOLINI Continue reading Progettazione e condivisione nella nuova progettualità urbana

Le cooperative di utenza – legacoop 23 ottobre 2014

Cooperative di Comunità il 23 ottobre alla Lega Cooperative in via Guattani
Interventi molto interessanti di Laura Pera del Master di Roma Tre sulle Cooperative di Comunità
di Paolo Masini, Ass.LLPP e Periferie del Comune di Roma e di Francesco d’Ausilio capogruppo PD – Comune di Roma
Dall’intervento di L. Pera “In questo momento stiamo assistendo alle difficoltà del mercato e alle difficoltà d’intervento da parte della Pubblica Amministrazione, che si trova in una situazione di forte contrazione delle proprie risorse e che non riesce a dare risposte tempestive e qualitativamente competitive alle esigenze del territorio.
Il territorio ha recepito questo segnale e i cittadini stanno iniziando ad organizzarsi e a proporsi come alternativa al pubblico. E’ innegabile che la possibilità di realizzare i propri servizi con la partecipazione diretta dei cittadini stessi, è una grande opportunità per l’amministrazione. Abbiamo conosciuto e incontrato molti di questi gruppi e il modello individuato da Legacoop Servizi Lazio, per questa realtà, è la cooperativa di comunità. Questi gruppi di cittadini hanno idee e obiettivi molto diversi tra loro. Si va dal recupero e riuso del patrimonio pubblico dismesso come il caso del gruppo di piazza Bainsizza nel quartiere delle Vittorie, che vuole ottenere la gestione dell’ex-deposito ATAC e trasformarlo in uno spazio polifunzionale al caso del gruppo del Quadraro che vuole ampliare un’esperienza di ostello diffuso e avviare un’attività turistica alternativa gestita dalle comunità..”

F.d’Ausilio , capogruppo PD al Comune di Roma, ha parlato di una delibera che è in preparazione  su Economia e Socialità sulle cooperative di utenza e su Consorzi di autorecupero (cittadino da consumer a producer). E’ allo studio anche una delibera per appalti pubblici di servizi.

Verbali Conferenza Urbanistica 1° Municipio – Programma Laboratori

Osservazioni di Elena Mortola dopo l’incontro del 19 dic. 2014 alla Casa della Città
casa-città 19-12-14
Ieri 19 dicembre molti cittadini hanno partecipato alla “Visione” delle carte dei valori presso la Casa della Città, che purtroppo non riusciamo a vedere pubblicate nel sito del Comune, così come non riusciamo a vedere pubblicati i documenti più importanti prodotti in questi ultimi due mesi e cioè le schede-progetto. Queste schede progetto dovrebbero essere visionate soprattutto da quei cittadini che non hanno partecipato ai laboratori e dovrebbero costituire la base attorno alla quale costruire i laboratori dei Municipi. Naturalmente nel Laboratorio di progettazione partecipata “La città storica da un punto di vista di genere” continueremo a lavorare sulle aree problema e sulle opzioni già individuate aggiungendo le nuove prodotte durante la preparazione della Conferenza Urbanistica, relativamente alla Città Storica.
Elena Mortola
Osservazioni di Elena Mortola dopo l’incontro del 20 nov. presso la sede del Municipio Roma 1 presso la sede di circonv. Trionfale 19

Continue reading Verbali Conferenza Urbanistica 1° Municipio – Programma Laboratori

Convegno Cooperative di Comunità 23-10-2014

 

invito_LegacoopServizi_web

Gruppi di lavoro aggiornati

GRUPPI DI LAVORO AGGIORNATI al 1 ottobre 2014 del LABORATORIO PERMANENTE PER LA CITTA’ STORICA DA UN PUNTO DI VISTA DI GENERE – Ordine degli Architetti –
a. Un gruppo di lavoro sul tema “I percorsi dell’accoglienza”
(capogruppo Renata Bizzotto con Luisa Chiumenti, Pia Petrucci, Rossella Poce, Irace, Raffaella Seghetti, Sorge)
b. Un gruppo di lavoro sul tema “Mobilità e spazi pubblici in ambiente urbano: accessibilità, sostenibilità e vivibilità (30 settembre 2014)
(capogruppo Lucia Martincigh con  M.D. Aiello, Vittorio Sartogo (Associazione Calma) , Enrico Fattinnanzi, Gabriella Anselmi, Silvana Schipani, Lidia Desiderio, Paolo Magrini, Jacopo Magrini, Mauro Della Casa, Margherita Carè)
c. Un gruppo di lavoro su “Recupero e riuso del patrimonio pubblico dismesso nella Città Storica (30 settembre 2014)”
(capogruppo Paola Rosati con Gaia Pallottino, Elena Mortola, Melania Cavelli,  Romina Peritore, Antonello Laguardia, Marta Carusi, Laura Pera , Mariella Pepe, Silvia Gnetti)
d. Gruppo di coordinamento, formato da A.Giangrande e E.Mortola, che raccoglie problemi e opzioni da aggiungere all’elenco già realizzato, in modo da garantire la sinergia tra le varie proposte scelte.

Gruppo C – Recupero e riuso del patrimonio pubblico dismesso nella Città Storica (30 settembre 2014)

Gruppo di lavoro: Recupero e riuso del patrimonio pubblico dismesso nella Città Storica (30 settembre 2014)

Premessa

Il complesso di beni disponibili e indisponibili, attribuibili a diversi soggetti pubblici, a partire dal Comune e dagli Enti territoriali che insistono nella città, assume una grande potenzialità per un’azione efficace e incisiva di tutela e rivitalizzazione della Città Storica (CS), in un quadro procedurale e temporale sufficientemente certo.

Conoscere le localizzazioni, le consistenze, le destinazioni d’uso in atto, il grado di utilizzazione o dismissione, costituisce un atto fondativo di ogni opzione progettuale proposta dal Laboratorio. Continue reading Gruppo C – Recupero e riuso del patrimonio pubblico dismesso nella Città Storica (30 settembre 2014)

Gruppo B – Mobilità e spazi pubblici in ambiente urbano: accessibilità, sostenibilità e vivibilità (30 settembre 2014)

Gruppo di lavoro: Mobilità e spazi pubblici in ambiente urbano: accessibilità, sostenibilità e vivibilità (30 settembre 2014)

Premessa

Per mobilità urbana sostenibile s’intende un sistema multimodale che, pur garantendo un’accessibilità diffusa, dia la possibilità di compiere spostamenti basandosi sulla definizione dei modi d’uso degli spazi e sulla loro gestione ottimale; in particolare esso deve permettere la raggiungibilità dei vari poli di attrazione, senza contemporaneamente diminuire (o almeno non in modo eccessivo) l’offerta prestazionale (sicurezza, comfort, attrattiva etc.) dell’ambiente urbano nel suo complesso. Tale strutturazione deve al contempo risparmiare energia e territorio, essere meno inquinante e pericolosa, più equa e salutare e soprattutto più rispettosa del diritto di ognuno di usare lo spazio pubblico comune.

Gli aspetti relativi alla riorganizzazione della mobilità e quelli connessi al miglioramento della qualità complessiva degli spazi intermedi vanno governati in maniera sinergica, individuando le relazioni tra le specifiche tecniche singolarmente utilizzate per la loro pianificazione, nonché le rispettive reciproche ricadute.

Continue reading Gruppo B – Mobilità e spazi pubblici in ambiente urbano: accessibilità, sostenibilità e vivibilità (30 settembre 2014)

Verbali riunioni Laboratorio “Città Storica da un punto di vista di genere”

GRUPPO PATRIMONIO
Vi inoltro l’invito di Andrea Laguardia Lega Coop Nazionale, 23 ottobre 2014, via Guattani 9, ore 10

Cari Amici,
abbiamo avuto modo di conoscerci negli ultimi mesi sul tema delle cooperative di comunità.
I vari progetti di cui abbiamo parlato in questi mesi e dei quali voi siete i protagonisti, sono stati parte dell’elaborazione della ricerca che abbiamo fatto insieme al Dipartimento di Economia dell’Università di Roma Tre.

Con la presente ho il piacere di invitarvi al convengo che faremo il 23 Ottobre a Roma presso Legacoop Nazionale, dove oltre a presentare la ricerca ci sarà una tavola rotonda con la partecipazione dell’Assessore ai Lavori Pubblici Paolo Masini, l’Assessore al Bilancio Silvia Scozzese e Francesco D’Ausilio Capogruppo PD del Comune di Roma.

In allegato trovate l’invito e il programma della giornata.

Spero di vedervi il 23 Ottobre, potete estendere l’invito a chi ritenete opportuno.

Grazie e a presto,

Foto: Vi inoltro l'invito di Andrea Laguardia  Lega Coop Nazionale, 23 ottobre 2014, via Guattani 9, ore 10</p>
<p>Cari Amici,<br />
abbiamo avuto modo di conoscerci negli ultimi mesi sul tema delle cooperative di comunità.<br />
I vari progetti di cui abbiamo parlato in questi mesi e dei quali voi siete i protagonisti, sono stati parte dell’elaborazione della ricerca che abbiamo fatto insieme al Dipartimento di Economia dell’Università di Roma Tre.</p>
<p>Con la presente ho il piacere di invitarvi al convengo che faremo il 23 Ottobre a Roma presso Legacoop Nazionale, dove oltre a presentare la ricerca ci sarà una tavola rotonda con la partecipazione dell’Assessore ai Lavori Pubblici Paolo Masini, l’Assessore al Bilancio Silvia Scozzese e Francesco D’Ausilio Capogruppo PD del Comune di Roma.</p>
<p>In allegato trovate l’invito e il programma della giornata.</p>
<p>Spero di vedervi il 23 Ottobre, potete estendere l’invito a chi ritenete opportuno.</p>
<p>Grazie e a presto,<br />
________________________________<br />
Andrea Laguardia

Per gli abitanti del quartiere Delle Vittorie del Municipio 1°
Il 15 ottobre alle 15 presso la sede del PSP abbiamo avuto un incontro con il presidente della lega coopLazioServizi Andrea Laguardia per parlare di un modo alternativo di intervento di recupero dell’ex-rimessa ATAC a P.zza Bainsizza con la partecipazione dei cittadini attraverso la costituzione di una Cooperativa di Comunità.  Chi è interessato mandi una email a associazionepsp@gmail.com oppure a elenamortola367@gmail.com
Resoconto riunione 16/10/2014
GRUPPO DI LAVORO MOBILITA’
Lucia Martincigh
Avete già ricevuto dall’arch.De Marinis un dovizioso resoconto della riunione svoltasi l 16/10/2014.

A seguito della mail di Elena, ho pensato di aggiungere alcune brevi note.
Nella nostra ultima riunione, la seconda, c’è stato prima di tutto un aggiornamento, da parte di chi aveva partecipato alla riunione indetta dal 1° Municipio, sulle tematiche trattate. Successivamente abbiamo ricordato quanto deciso nella nostra prima riunione; ciò è stato necessario  in quanto c’erano alcune persone che non vi avevano partecipato. Abbiamo anche accennato ai contributi inviati da alcuni colleghi che purtroppo non erano potuti essere presenti.
Abbiamo poi avviato una discussione sugli argomenti sui quali, come d’accordo, avevamo singolarmente riflettuto; ci siamo trovati d’accordo su alcuni di questi temi, abbiamo raggiunto un accordo su altri, mentre abbiamo solo avviato un confronto su altri ancora, sui quali per ora non non ci sono opinioni condivise.
In preparazione di un contributo alla futura Conferenza Urbanistica, abbiamo deciso di puntare su azioni da proporre che concernono gli argomenti pienamente condivisi. Un secondo criterio di scelta è stato quello di proporre azioni che, pur avendo un impatto notevole sulla qualità della vita degli utenti del centro storico, possono essere intraprese soprattutto con azioni di “enforcement”, oppure con provvedimenti e con revisioni normative, o con  adeguati comportamenti, o senza grandi costi.
L’ultimo punto discusso ha riguardato la problematica dei bus turistici; un argomento scottante che merita un approfondimento per poter tenere conto di tutti gli aspetti coinvolti, e di tutti gli impatti che non riguardano solo la mobilità e gli inquinamenti, ma anche il turismo e l’economia. Ciò permetterà anche di sviscerare le possibili soluzioni alternative e concordare  quindi su possibili azioni da proporre.
I punti che erano elencati nei risultati del workshop, e che sono ancora da affrontare e da discutere, sono molti; si reputa quindi necessario incontrarsi nuovamente.
Sarebbe auspicabile avere però una maggior presenza di tutti coloro che hanno dato la loro adesione e soprattutto di coloro che avevano partecipato alla prima stesura dei risultati del workshop di avvio del gruppo.
Penso quindi che forse, più che proporre io una ulteriore data di incontro, questa volta vorrei che fossero i partecipanti a proporne una.
Per favore scrivete nei prossimi giorni all’arch. De Marinis, che si occuperà di raccogliere le vostre proposte, di trovare una data consona e di fissare una stanza per incontrarsi.
Sarebbe anche utile avere opinioni da coloro che non sono stati presenti e magari anche suggerimenti degli argomenti che pensano vadano discussi prioritariamente, sulla base di quanto sintetizzato nella mia mail del 7 ottobre.
Sarebbe utile arrivare con un elenco ragionato di azioni alla riunione plenaria proposta da Elena Mortola per la fine  di novembre.
In attesa di un  vostro riscontro, vi invio un cordiale saluto
Lucia Martincigh
Cecilia De Marinis <arch.ceciliademarinis@gmail.com>
sono Cecilia De Marinis, collaboratrice della professoressa Martincigh.
Di seguito riporto il resoconto della riunione del gruppo avvenuta il
16/10/2014 in via Madonna dei Monti 40:
Elenco interventi da proporre:
- Fermate bus senza automobili e motorini: liberazione delle fermate, realizzare interventi per far rispettare il divieto di sosta sulle fermate
- Vietare il parcheggio dei motorini sui marciapiedi (codificazione delibera)
- Realizzare la continuità delle corsie preferenziali da capolinea a capolinea
- Ravvicinare le fermate (?)
- Semaforo che scatta automaticamente al passaggio dei mezzi pubblici, sulla corsia preferenziale
- Avvicinamento degli autobus al marciapiede
- Migliorare la frequenza degli autobus e aumentare il controllo dei biglietti
- Regolamentazione della ZTL: ridurre permessi di accesso
- Controllo del rispetto di divieto di sosta davanti alle scuole
- Questione dei bus turistici: devono fermarsi fuori dal centro? Controllo del numero di pulman che entrano? Porre un limite di accesso ai soli pulman che fanno il giro turistico con mezzi abilitati dal comune? (questione su cui riflettere ancora per trovare una soluzione condivisa)
Se il gruppo ha intenzione di incontrarsi nuovamente nelle prossime due settimane, potete contattare direttamente me e di sicuro sarà possibile fare la riunione in uno spazio all’interno del Dipartimento di Architettura, nella sede di Madonna dei Monti, 40.

 

Il giorno 6 ottobre 2014 presso la Casa dell’Architettura riunione plenaria del Laboratorio “Città storica da un punto di vista di genere”

Le varie associazioni che fanno capo al Laboratorio invieranno 2 rappresentanti alla Conferenza Urbanistica del Municipio 1°. Tutti i gruppi sono rappresentati. Virginia R. delega E.Mortola a rappresentare il Laboratorio alla Conferenza Urbanistica, Marta Causi descrive a Virginia Rossini il progetto della sua associazione per realizzare una piccola parte (gli orti urbani) della piazza verde dell’ex-rimessa ATAC a Piazza Bainsizza:

 

Dipartimento programmazione e attuazione urbanistica
Assessore………………………….
Direzione del Dipartimento – arch. Annamaria Graziano
Direzione Pianificazione generale – arch. Vittoria Crisostomi
U.O. Riqualificazione di ambito urbano e riuso del patrimonio pubblico – arch. Maurizio Geusa*
U.O. Città storica ed ambiti di tutela e riqualificazione – arch. Porfirio Ottolini*
Dipartimento patrimonio – sviluppo, valorizzazione
Assessore Luigi Nieri
Direzione dipartimentale – arch. Mirella di Giovine
Oggetto: Proposta di progetto di riqualificazione dell’area dell’ex deposito ATAC di piazza Bainsizza a Roma.
Premesso che
L’Ordine degli Architetti PPC di Roma e Provincia ha istituito nell’aprile del 2014 il Laboratorio di Progettazione Partecipata “La città storica da un punto di vista di genere” (di seguito denominato Laboratorio).
Il suddetto Laboratorio ha come finalità lo svolgimento di una serie di workshop per
-     approfondire le aree-problema emerse nell’ambito del convegno/workshop La Città Storica: vivere tra passato e futuro che si è svolto a Roma il 15 aprile 2013 presso la Casa dell’Architettura
-     discutere con tutti i soggetti territoriali interessati per migliorare ed estendere l’elenco delle possibili soluzioni progettuali atte a risolvere le suddette aree
-     selezionare in ogni area le soluzioni maggiormente condivise e fattibili con la collaborazione degli Assessorati all’Ambiente e alla Cultura, nonchè dell’Ufficio Centro Storico di Roma Capitale.
Alcuni membri del Laboratorio hanno presentato un progetto di recupero e riuso per l’area in oggetto, nell’ambito del Convegno “Uso pubblico delle caserme. Progetti di Città nelle aree militari in dismissione” che si è svolto il 24 gennaio 1913 alla Casa dell’Architettura.
Tale progetto è il frutto della partecipazione dei cittadini al processo che ha avuto luogo nel Laboratorio di progettazione partecipata per l’ex deposito ATAC di piazza Bainsizza, attivato dall’ex Municipio Roma 17 (poi confluito nel Municipio Roma 1), che ha portato gli abitanti a elaborare le linee guida da adottare per il recupero e riuso dell’ex deposito.
Nelle linee guida è prevista, tra l’altro, la realizzazione di un orto urbano in una zona adiacente al Dipartimento di Salute Mentale, una struttura della ASL della quale le linee guida raccomandano il recupero e il mantenimento delle funzioni che attualmente svolge.  
il Laboratorio, nel portare avanti il proprio lavoro, è entrato in contatto con altre realtà associative con le quali sta gestendo una proficua collaborazione volta a portare un valore aggiunto al progetto di recupero e riuso di cui sopra, in linea con gli obiettivi che gli abitanti si sono posti.
Su proposta dell’Associazione di promozione sociale Mondo di Comunità e Famiglia (presente a Roma e nel Lazio come anche in diverse altre regioni d’Italia), il Laboratorio ha valutato la possibilità di partecipare al prossimo bando relativo alla L. 383/2000 per accedere a un contributo finanziario che consenta di avviare un processo incrementale di attuazione del progetto in questione.Si desidera nella fattispecie mettere in atto una collaborazione con il DSM per la creazione dell’orto urbano, al fine di attuare un progetto di promozione sociale, capace di realizzare nuove sinergie tra associazioni ed enti locali al fine di costruire una rete solidale sul territorio.
L’Ordine degli Architetti PPC di Roma e Provincia (rappresentato dai soggetti attivi del Laboratorio) e l’Associazione di promozione sociale Mondo di Comunità e Famiglia, che si farà promotrice del progetto presso il Ministero del Lavoro
Chiedono
cortesemente d’incontrare a breve i responsabili dell’Amministrazione Capitolina per discutere in merito alla possibilità di realizzare il progetto di cui sopra.Si fa presente che il bando citato uscirà indicativamente intorno alla metà ottobre.
Cordiali saluti.
* Maurizio Geusa e Porfirio Ottolini hanno partecipato all’evento che si è svolto il 9 maggio 2014 alla Casa dell’Architettura in occasione dell’inaugurazione del Dipartimento dei Beni Culturali e del Laboratorio dell’Ordine.

Chiederanno 150.000 euro per 4 interventi in 4 città

Pia petrucci parla dell’iniziativa dell’Ordine degli architetti di Ancona, sulla scia del nostro workshop del 2013: ARCHITETTI AL CENTRO_2014(1)

____________

Gruppo PATRIMONIO

Gaia Pallottino parla delle 32.000 firme raccolte da Deliberiamo Roma x 4 delibere popolari

  1. finanza sociale
  2. scuola pubblica
  3. acqua pubblica
  4. Patrimonio (Cinema America, Cinema Rialto, Teatro Valle

Mortola: Chiedere al gruppo Caudo la Mappa delle dismissioni e documenti sulle strategie di dismissioni.

Partire dalla delibera sulla partecipazione

Delib._n._39__Regolamento_Partecipazione_Popolare_.[1] (1)

Si è parlato dell’intervento fatto a Tor di Nona, con il rilievo di Paolo Marconi e Giovannetti, edito dalla Dei e di San Paolino alla regola, quando La Calzolari era Assessore a Roma e Cervellati a Bologna.

_____________________

Il giorno 30 settembre alle ore 17 incontro presso la sede del Dip. di Architettura dell’Università Roma Tre a via Madonna dei Monti 40 si è riunito il gruppo  di lavoro  “Mobilità e spazi pubblici in ambiente urbano: accessibilità, sostenibilità e vivibilità “
(capogruppo Lucia Martincigh con  M.D. Aiello, Vittorio Sartogo (Associazione Calma) , Enrico Fattinnanzi, Gabriella Anselmi, Silvana Schipani, Lidia Desiderio, Paolo Magrini, Jacopo Magrini, Mauro Della Casa, Margherita Carè, Fausta Franchi) Continue reading Verbali riunioni Laboratorio “Città Storica da un punto di vista di genere”

Gruppo di Coordinamento D. lab CS-g

Il prof. Giangrande e la prof. Mortola del Gruppo D. di Coordinamento gestiranno il processo di pianificazione e progettazione strategica sotto il profilo metodologico.

Continue reading Gruppo di Coordinamento D. lab CS-g

Conferenza Urbanistica 1° Municipio

Dopo il primo incontro, con la collaborazione di ciascun Municipio, si avvierà un’attività laboratoriale, della durata di due mesi e aperta al contributo di associazioni e  comitati presenti sul territorio. Continue reading Conferenza Urbanistica 1° Municipio

Il Laboratorio permanente sulla città storica da un punto di vista di genere: che attività svolge

L’Ordine degli Architetti di Roma e del Lazio ha istituito recentemente (aprile 2014) il Dipartimento dei Beni Culturali nel cui ambito opererà il Laboratorio permanente sui problemi della Città Storica da un punto di vista di genere. La prof. Arch. Elena Mortola è stata delegata dal Consiglio dell’Ordine a coordinare questo laboratorio con il contributo metodologico del prof. Alessandro Giangrande. Continue reading Il Laboratorio permanente sulla città storica da un punto di vista di genere: che attività svolge

“Laboratorio permanente sulla città storica da un punto di vista di genere”

intestazione lab

Il giorno lunedì 30 giugno 2014 alle ore 16 è indetto un incontro presso la Casa dell’Architettura con tutte le istituzioni e le associazioni che hanno partecipato al convegno/inaugurazione del 9 maggio 2014 e che hanno aderito al “Laboratorio permanente sulla città storica da un punto di vista di genere”. Continue reading “Laboratorio permanente sulla città storica da un punto di vista di genere”

La città storica: vivere tra passato e futuro – nuove strategie II anno

Continue reading La città storica: vivere tra passato e futuro – nuove strategie II anno

Centro supporto iniziative progettazione sostenibile partecipata

Il centro vuole rendere disponibili al territorio decenni di ricerche, condotte presso l’Università di Roma Tre, sulla progettazione sostenibile partecipata. In questo lungo periodo i metodi sviluppati con queste ricerche sono state diffusi attraverso master e applicazioni sperimentali, ora sono a disposizione di tutti coloro che ne possono aver bisogno, siano essi enti locali, progettisti o associazioni di abitanti.

Laboratorio TIPUS – Università Roma Tre

Laboratorio di Tecnologie dell’Informazione per il Progetto Urbano Sostenibile, Dip. Studi Urbani

28 aprile 2009

Il Laboratorio sulle Tecnologie dell’Informazione per il Progetto Urbano Sostenibile (Lab TIPUS) si occupa di applicazioni di tecnologie dell’informazione innovative e di ricerca sulle metodologie relative alla progettazione partecipata strategica. Ha sperimentato tali metodologie a casi concreti relativi al recupero sostenibile di parti di quartieri, al bilancio partecipativo di municipi, al recupero di giardini scolastici. Supporta un Master Internazionale di II livello sulla “Progettazione Interattiva Sostenibile e Multimedialità”.

Nucleo di Valutazione Roma Tre

“The unique and innovative work in participatory planning going on in the Department is especially important. The TIPUS Laboratory under the direction of Alessandro Giangrande and Elena Mortola melds the use of new technology with participatory planning. However, it is clear that other researchers have also made important contributions to civic engagement in the planning process. In this rapidly evolving field of knowledge and professional practice, the department may be in a position to expand the scope of knowledge and research”. Tom Angotti, Professor of Urban Affairs & Planning at Hunter College, City University of New York and Director of the Hunter College Center for Community Planning & Development, Componente del Nucleo di Valutazione Roma Tre
“The DipSu has three “laboratory”. The “Tipus” lab is very autonomous, with precedents in other situations before the DipSu constitution, and with a solid work in a very specific and interesting issue, citizen participation in planning by new technologies.”
Juan Luis de las Rivas Sanz, architect, PhD (Universidad de Navarra) Profesor Titular de Urbanísica y Ordenación del Territorio, Universidad de Valladolid. Componente del nucleo di valutazione Roma Tre