Verbali riunioni Laboratorio “Città Storica da un punto di vista di genere”

GRUPPO PATRIMONIO
Vi inoltro l’invito di Andrea Laguardia Lega Coop Nazionale, 23 ottobre 2014, via Guattani 9, ore 10

Cari Amici,
abbiamo avuto modo di conoscerci negli ultimi mesi sul tema delle cooperative di comunità.
I vari progetti di cui abbiamo parlato in questi mesi e dei quali voi siete i protagonisti, sono stati parte dell’elaborazione della ricerca che abbiamo fatto insieme al Dipartimento di Economia dell’Università di Roma Tre.

Con la presente ho il piacere di invitarvi al convengo che faremo il 23 Ottobre a Roma presso Legacoop Nazionale, dove oltre a presentare la ricerca ci sarà una tavola rotonda con la partecipazione dell’Assessore ai Lavori Pubblici Paolo Masini, l’Assessore al Bilancio Silvia Scozzese e Francesco D’Ausilio Capogruppo PD del Comune di Roma.

In allegato trovate l’invito e il programma della giornata.

Spero di vedervi il 23 Ottobre, potete estendere l’invito a chi ritenete opportuno.

Grazie e a presto,

Foto: Vi inoltro l'invito di Andrea Laguardia  Lega Coop Nazionale, 23 ottobre 2014, via Guattani 9, ore 10

Cari Amici,
abbiamo avuto modo di conoscerci negli ultimi mesi sul tema delle cooperative di comunità.
I vari progetti di cui abbiamo parlato in questi mesi e dei quali voi siete i protagonisti, sono stati parte dell’elaborazione della ricerca che abbiamo fatto insieme al Dipartimento di Economia dell’Università di Roma Tre.

Con la presente ho il piacere di invitarvi al convengo che faremo il 23 Ottobre a Roma presso Legacoop Nazionale, dove oltre a presentare la ricerca ci sarà una tavola rotonda con la partecipazione dell’Assessore ai Lavori Pubblici Paolo Masini, l’Assessore al Bilancio Silvia Scozzese e Francesco D’Ausilio Capogruppo PD del Comune di Roma.

In allegato trovate l’invito e il programma della giornata.

Spero di vedervi il 23 Ottobre, potete estendere l’invito a chi ritenete opportuno.

Grazie e a presto,
________________________________
Andrea Laguardia
Per gli abitanti del quartiere Delle Vittorie del Municipio 1°
Il 15 ottobre alle 15 presso la sede del PSP abbiamo avuto un incontro con il presidente della lega coopLazioServizi Andrea Laguardia per parlare di un modo alternativo di intervento di recupero dell’ex-rimessa ATAC a P.zza Bainsizza con la partecipazione dei cittadini attraverso la costituzione di una Cooperativa di Comunità.  Chi è interessato mandi una email a associazionepsp@gmail.com oppure a elenamortola367@gmail.com
Resoconto riunione 16/10/2014
GRUPPO DI LAVORO MOBILITA’
Lucia Martincigh
Avete già ricevuto dall’arch.De Marinis un dovizioso resoconto della riunione svoltasi l 16/10/2014.

A seguito della mail di Elena, ho pensato di aggiungere alcune brevi note.
Nella nostra ultima riunione, la seconda, c’è stato prima di tutto un aggiornamento, da parte di chi aveva partecipato alla riunione indetta dal 1° Municipio, sulle tematiche trattate. Successivamente abbiamo ricordato quanto deciso nella nostra prima riunione; ciò è stato necessario  in quanto c’erano alcune persone che non vi avevano partecipato. Abbiamo anche accennato ai contributi inviati da alcuni colleghi che purtroppo non erano potuti essere presenti.
Abbiamo poi avviato una discussione sugli argomenti sui quali, come d’accordo, avevamo singolarmente riflettuto; ci siamo trovati d’accordo su alcuni di questi temi, abbiamo raggiunto un accordo su altri, mentre abbiamo solo avviato un confronto su altri ancora, sui quali per ora non non ci sono opinioni condivise.
In preparazione di un contributo alla futura Conferenza Urbanistica, abbiamo deciso di puntare su azioni da proporre che concernono gli argomenti pienamente condivisi. Un secondo criterio di scelta è stato quello di proporre azioni che, pur avendo un impatto notevole sulla qualità della vita degli utenti del centro storico, possono essere intraprese soprattutto con azioni di “enforcement”, oppure con provvedimenti e con revisioni normative, o con  adeguati comportamenti, o senza grandi costi.
L’ultimo punto discusso ha riguardato la problematica dei bus turistici; un argomento scottante che merita un approfondimento per poter tenere conto di tutti gli aspetti coinvolti, e di tutti gli impatti che non riguardano solo la mobilità e gli inquinamenti, ma anche il turismo e l’economia. Ciò permetterà anche di sviscerare le possibili soluzioni alternative e concordare  quindi su possibili azioni da proporre.
I punti che erano elencati nei risultati del workshop, e che sono ancora da affrontare e da discutere, sono molti; si reputa quindi necessario incontrarsi nuovamente.
Sarebbe auspicabile avere però una maggior presenza di tutti coloro che hanno dato la loro adesione e soprattutto di coloro che avevano partecipato alla prima stesura dei risultati del workshop di avvio del gruppo.
Penso quindi che forse, più che proporre io una ulteriore data di incontro, questa volta vorrei che fossero i partecipanti a proporne una.
Per favore scrivete nei prossimi giorni all’arch. De Marinis, che si occuperà di raccogliere le vostre proposte, di trovare una data consona e di fissare una stanza per incontrarsi.
Sarebbe anche utile avere opinioni da coloro che non sono stati presenti e magari anche suggerimenti degli argomenti che pensano vadano discussi prioritariamente, sulla base di quanto sintetizzato nella mia mail del 7 ottobre.
Sarebbe utile arrivare con un elenco ragionato di azioni alla riunione plenaria proposta da Elena Mortola per la fine  di novembre.
In attesa di un  vostro riscontro, vi invio un cordiale saluto
Lucia Martincigh
Cecilia De Marinis <arch.ceciliademarinis@gmail.com>
sono Cecilia De Marinis, collaboratrice della professoressa Martincigh.
Di seguito riporto il resoconto della riunione del gruppo avvenuta il
16/10/2014 in via Madonna dei Monti 40:
Elenco interventi da proporre:
– Fermate bus senza automobili e motorini: liberazione delle fermate, realizzare interventi per far rispettare il divieto di sosta sulle fermate
– Vietare il parcheggio dei motorini sui marciapiedi (codificazione delibera)
– Realizzare la continuità delle corsie preferenziali da capolinea a capolinea
– Ravvicinare le fermate (?)
– Semaforo che scatta automaticamente al passaggio dei mezzi pubblici, sulla corsia preferenziale
– Avvicinamento degli autobus al marciapiede
– Migliorare la frequenza degli autobus e aumentare il controllo dei biglietti
– Regolamentazione della ZTL: ridurre permessi di accesso
– Controllo del rispetto di divieto di sosta davanti alle scuole
– Questione dei bus turistici: devono fermarsi fuori dal centro? Controllo del numero di pulman che entrano? Porre un limite di accesso ai soli pulman che fanno il giro turistico con mezzi abilitati dal comune? (questione su cui riflettere ancora per trovare una soluzione condivisa)
Se il gruppo ha intenzione di incontrarsi nuovamente nelle prossime due settimane, potete contattare direttamente me e di sicuro sarà possibile fare la riunione in uno spazio all’interno del Dipartimento di Architettura, nella sede di Madonna dei Monti, 40.

 

Il giorno 6 ottobre 2014 presso la Casa dell’Architettura riunione plenaria del Laboratorio “Città storica da un punto di vista di genere”

Le varie associazioni che fanno capo al Laboratorio invieranno 2 rappresentanti alla Conferenza Urbanistica del Municipio 1°. Tutti i gruppi sono rappresentati. Virginia R. delega E.Mortola a rappresentare il Laboratorio alla Conferenza Urbanistica, Marta Causi descrive a Virginia Rossini il progetto della sua associazione per realizzare una piccola parte (gli orti urbani) della piazza verde dell’ex-rimessa ATAC a Piazza Bainsizza:

 

Dipartimento programmazione e attuazione urbanistica
Assessore………………………….
Direzione del Dipartimento – arch. Annamaria Graziano
Direzione Pianificazione generale – arch. Vittoria Crisostomi
U.O. Riqualificazione di ambito urbano e riuso del patrimonio pubblico – arch. Maurizio Geusa*
U.O. Città storica ed ambiti di tutela e riqualificazione – arch. Porfirio Ottolini*
Dipartimento patrimonio – sviluppo, valorizzazione
Assessore Luigi Nieri
Direzione dipartimentale – arch. Mirella di Giovine
Oggetto: Proposta di progetto di riqualificazione dell’area dell’ex deposito ATAC di piazza Bainsizza a Roma.
Premesso che
L’Ordine degli Architetti PPC di Roma e Provincia ha istituito nell’aprile del 2014 il Laboratorio di Progettazione Partecipata “La città storica da un punto di vista di genere” (di seguito denominato Laboratorio).
Il suddetto Laboratorio ha come finalità lo svolgimento di una serie di workshop per
–     approfondire le aree-problema emerse nell’ambito del convegno/workshop La Città Storica: vivere tra passato e futuro che si è svolto a Roma il 15 aprile 2013 presso la Casa dell’Architettura
–     discutere con tutti i soggetti territoriali interessati per migliorare ed estendere l’elenco delle possibili soluzioni progettuali atte a risolvere le suddette aree
–     selezionare in ogni area le soluzioni maggiormente condivise e fattibili con la collaborazione degli Assessorati all’Ambiente e alla Cultura, nonchè dell’Ufficio Centro Storico di Roma Capitale.
Alcuni membri del Laboratorio hanno presentato un progetto di recupero e riuso per l’area in oggetto, nell’ambito del Convegno “Uso pubblico delle caserme. Progetti di Città nelle aree militari in dismissione” che si è svolto il 24 gennaio 1913 alla Casa dell’Architettura.
Tale progetto è il frutto della partecipazione dei cittadini al processo che ha avuto luogo nel Laboratorio di progettazione partecipata per l’ex deposito ATAC di piazza Bainsizza, attivato dall’ex Municipio Roma 17 (poi confluito nel Municipio Roma 1), che ha portato gli abitanti a elaborare le linee guida da adottare per il recupero e riuso dell’ex deposito.
Nelle linee guida è prevista, tra l’altro, la realizzazione di un orto urbano in una zona adiacente al Dipartimento di Salute Mentale, una struttura della ASL della quale le linee guida raccomandano il recupero e il mantenimento delle funzioni che attualmente svolge.  
il Laboratorio, nel portare avanti il proprio lavoro, è entrato in contatto con altre realtà associative con le quali sta gestendo una proficua collaborazione volta a portare un valore aggiunto al progetto di recupero e riuso di cui sopra, in linea con gli obiettivi che gli abitanti si sono posti.
Su proposta dell’Associazione di promozione sociale Mondo di Comunità e Famiglia (presente a Roma e nel Lazio come anche in diverse altre regioni d’Italia), il Laboratorio ha valutato la possibilità di partecipare al prossimo bando relativo alla L. 383/2000 per accedere a un contributo finanziario che consenta di avviare un processo incrementale di attuazione del progetto in questione.Si desidera nella fattispecie mettere in atto una collaborazione con il DSM per la creazione dell’orto urbano, al fine di attuare un progetto di promozione sociale, capace di realizzare nuove sinergie tra associazioni ed enti locali al fine di costruire una rete solidale sul territorio.
L’Ordine degli Architetti PPC di Roma e Provincia (rappresentato dai soggetti attivi del Laboratorio) e l’Associazione di promozione sociale Mondo di Comunità e Famiglia, che si farà promotrice del progetto presso il Ministero del Lavoro
Chiedono
cortesemente d’incontrare a breve i responsabili dell’Amministrazione Capitolina per discutere in merito alla possibilità di realizzare il progetto di cui sopra.Si fa presente che il bando citato uscirà indicativamente intorno alla metà ottobre.
Cordiali saluti.
* Maurizio Geusa e Porfirio Ottolini hanno partecipato all’evento che si è svolto il 9 maggio 2014 alla Casa dell’Architettura in occasione dell’inaugurazione del Dipartimento dei Beni Culturali e del Laboratorio dell’Ordine.

Chiederanno 150.000 euro per 4 interventi in 4 città

Pia petrucci parla dell’iniziativa dell’Ordine degli architetti di Ancona, sulla scia del nostro workshop del 2013: ARCHITETTI AL CENTRO_2014(1)

____________

Gruppo PATRIMONIO

Gaia Pallottino parla delle 32.000 firme raccolte da Deliberiamo Roma x 4 delibere popolari

  1. finanza sociale
  2. scuola pubblica
  3. acqua pubblica
  4. Patrimonio (Cinema America, Cinema Rialto, Teatro Valle

Mortola: Chiedere al gruppo Caudo la Mappa delle dismissioni e documenti sulle strategie di dismissioni.

Partire dalla delibera sulla partecipazione

Delib._n._39__Regolamento_Partecipazione_Popolare_.[1] (1)

Si è parlato dell’intervento fatto a Tor di Nona, con il rilievo di Paolo Marconi e Giovannetti, edito dalla Dei e di San Paolino alla regola, quando La Calzolari era Assessore a Roma e Cervellati a Bologna.

_____________________

Il giorno 30 settembre alle ore 17 incontro presso la sede del Dip. di Architettura dell’Università Roma Tre a via Madonna dei Monti 40 si è riunito il gruppo  di lavoro  “Mobilità e spazi pubblici in ambiente urbano: accessibilità, sostenibilità e vivibilità “
(capogruppo Lucia Martincigh con  M.D. Aiello, Vittorio Sartogo (Associazione Calma) , Enrico Fattinnanzi, Gabriella Anselmi, Silvana Schipani, Lidia Desiderio, Paolo Magrini, Jacopo Magrini, Mauro Della Casa, Margherita Carè, Fausta Franchi)

Sono presenti Lucia Martincigh , Vittorio Sartogo (Associazione Calma) , Enrico Fattinnanzi, Gabriella Anselmi, Paolo Magrini,  Margherita Carè, Elena Mortola e Alessandro Giangrande, Fausta Franchi.

Si è parlato sull’eventualità di fare un intervento alla Conferenza Urbanistica del 13 settembre sulla base del documento sul gruppo, rivisto da A. Giangrande.

L. Martincigh ha proposto di selezionare le aree problema a un numero più ristretto di aree e ha dato un tempo di dieci giorni ai componenti del gruppo per  formulare aree di decisioni prioritarie indicando le incertezze e le opzioni esplorative  sugli ostacoli facendo esempi  specifici come quelli su i tram 2 e 8.

Alcuni hanno osservato che la città storica non è omogenea ma presenta specificità alle quali è necessario far riferimento.

Sono emerse dalla discussione, molto approfondita, facendo riferimento a casi internazionali,  alcune priorità;

– Come migliorare MOBILITA’ E ACCESSIBILITA’ CON TRASPORTO PUBBLICO E PRIVATO?

– Come migliorare la SICUREZZA?

– Come migliorare il CONFORT E VIVIBILITA’

Sono emerse alcune proposte, puntando su interventi prioritari più facili da affrontare,  cercando di individuare gli ostacoli maggiori in merito a

  • Disincentivare i posti auto nella città storica
  • No al consumo di suolo e sottosuolo
  • Non utilizzare il sottosuolo a rischio archeologia (vedi caso di via Giulia)
  • Limitare il traffico nella città storica
Breve nota di Lucia Martincigh
Scrivo questa breve nota per tenere aggiornati anche coloro che non hanno potuto essere presenti alla riunione del 30 settembre.
In quella sede, dopo un informale scambio di idee, abbiamo letto insieme ed analizzato il documento che avevamo ricevuto in merito all’organizzazione delle prossime Conferenze Urbanistiche Municipali. 
Dopo un ampio dibattito, abbiamo deciso che in occasione del prossimo primo incontro sarebbe stato bene ascoltare quanto l’Amministrazione esporrà e che il gruppo “Mobilità e spazi pubblici in ambiente urbano: accessibilità, sostenibilità e vivibilità” non avrebbe fatto alcuna comunicazione di programma.
Abbiamo invece reputato opportuno che qualcuno in rappresentanza del gruppo generale: Laboratorio permanente “Città Storica e Beni Culturali da un punto di vista di genere” ne comunicasse l’esistenza, la composizione, la portata e gli ambiti di specializzazione, le aree di decisione. 
Dato poi il vasto campo di problematiche e campi d’azione da poter proporre nella tematica da noi trattata, abbiamo poi  deciso di darci “un compito a casa” e cioè riflettere su:
  1. Quali sono secondo ognuno di noi  le azioni più importanti, ma anche più accettabili, facilmente condivisibili, congeniali (in breve meno ostiche) che possiamo proporre per lo studio e la realizzazione; mettere insieme l’importanza con il livello di possibile accettazione porta a poter immaginare una “dichiarazione di successo”. Ciò non significa che non si possano anche proporre azioni “ostiche”, ma come alternative, in modo da avere sempre carte da giocare per migliorare almeno in parte la situazione.
  2. L’ordine di priorità delle azioni definite in 1., anche se con diversi livelli di accettabilità.
  3. La specificazione di quali problematiche rilevate le singole azioni risolvono. Maggiore è il numero di problematiche che un’azione risolve, maggiore risulterà la convenienza di adottarla. 
Per svolgere questo compito, e decidere azioni e problematiche da considerare, tenete conto del documento finale che vi allego nuovamente: I RISULTATI DEL WORKSHOP che costituisce la base da cui partire, in quanto documento della fondazione del Laboratorio permanente di cui questo gruppo fa parte. Considerate anche la sintesi che ci propone il prof. Giangrande, che oltre alle azioni (opzioni) analizza anche “incertezze” e opzioni esplorative”. E’ importante però che ognuno di voi porti il suo contributo e la sua ottica sui problemi rilevati e le relative soluzioni proposte, anche considerando il fatto che alcuni di voi non erano presenti ai momenti fondativi del Laboratorio.
Adesione Fausta Franchi
Carissima Elena
Complimenti per il lavoro svolto, vorrei partecipare per l’Associazione italiana pazienti BPCO onlus , che rappresento
al gruppo B “Mobilita’ e disabilita’ ,traffico urbano”
Grazie e cordiali saluti
Fausta Franchi

 

 

Il giorno 19 sett. alle 12,30 Teleconferenza dei gruppi Patrimonio e Spazi dismessi da rigenerare.

Il prof. Giangrande ha commentato il suo testo sulle nuove aree di Decisione (aree decisione aree dismesse da recuperare – Sandro) puntando sull’importanza dell’approfondimento delle aree di incertezza per arrivare a proposte plausibili e credibili.

Marta Carusi ha detto che andrà a Milano per capire come rispondere a un bando per finanziare piccoli interventi partecipati. Vorrebbe proporre di realizzare gli orti urbani per la ASL a P.zza Bainsizza con la sua Associazione (Progetto Comunità e Famiglia- ProgettoComunitaeFamiglia). Ha inoltre affermato che in caso si volesse portare avanti o il progetto di Cohousing nella palazzina a tre piani nell’ATAC di P.zza Bainsizza o il progetto di cohousing+coworking nello stabilimento di viale Angelico 19 la sua associazione ha già liste di abitanti che si vorrebbero impegnare in questo tipo di iniziative.

E’ chiaro che interventi di questo genere possono solo far riferimento a Cooperative di Comunità (CoopComunità) alle quali partecipino imprese e gruppi di cittadini che vogliono impegnarsi a investire in interventi di recupero che possono essere riscattati come anticipi per futuri affitti a 25 anni.

“Intorno ad esso abbiamo sensibilizzato l’attenzione e l’impegno di tutte le strutture territoriali di Legacoop, e della strumentazione finanziaria promossa dalla nostra organizzazione, a partire da Coopfond, il fondo per la promozione di nuova cooperazione alimentato dalla contribuzione di tutte le cooperative aderenti a Legacoop.”

_______________________________________

Il giorno 15 presso il laboratorio di VideoComunicazione della Casa dell’Architettura alle ore 16 si è riunito “Il Laboratorio permanente per la Città Storica da un punto di vista di genere”.Hanno partecipato circa 20 persone dei gruppi “Percorsi dell’accoglienza” , “Patrimonio” e “Spazi dismessi e da rigenerare”.
Ha partecipato E.Fattinnanzi del gruppo “Mobilità” e alcune persone di un nuovo gruppo “Piazze e spazi pubblici”.

Il giorno 16 presso il Liceo Virgilio alle ore 17 inizio del Laboratorio di partecipazione sul caso di Via Giulia.

Siamo in attesa della conferma della Conferenza Urbanistica del 1° Municipio il giorno 25 settembre 2014

Erano presenti:
COORDINAMENTO METODO: Alessandro Giangrande,
PATRIMONIO E SPAZI DISMESSI DA RIGENERARE: Elena Mortola, Gaia Pallottino, Silvana Schipani, (silvanaschipani@gmail.com), Marta Carusi, Paola Rosati, Romina Peritore, Mariella Pepe (mmpepe@tiscali.it),
MOBILITA e PIAZZE: Enrico Fattinnanzi, Mauro della Casa (maurodellacasa61@gmail.com), Margherita Care (marghecare@gmail.com), Paolo Magrini (paolomagrini.architetto@gmail.com),
PERCORSI DELL’ACCOGLIENZA: Renata Bizzotto, Fiorenza Irace, Fausta Franchi, Rosamaria Sorge, Pia Petrucci, Rossella Poce, Luisa Chiumenti

Ci siamo divisi in gruppi e ogni gruppo ha iniziato a lavorare sul documento introduttivo e sull’aggiornamento delle aree di decisione e delle proposte da approfondire nei laboratori della Conferenza urbanistica del 1° Municipio che ci sarà il 25 sett. , data non ancora confermata.

Leave a Reply

 

 

 

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>